Seguici su Facebook

Scena1 aiuta

Ultimi articoli

it Italian
Covid-19 e Figurazioni – Scena1
fade
1649
post-template-default,single,single-post,postid-1649,single-format-standard,edgt-core-1.1.1,kolumn-ver-1.3.1,,edgtf-smooth-page-transitions,ajax,edgtf-theme-skin-dark,edgtf-blog-installed,edgtf-header-standard,edgtf-fixed-on-scroll,edgtf-default-mobile-header,edgtf-sticky-up-mobile-header,edgtf-animate-drop-down,edgtf-search-covers-header,edgtf-side-menu-slide-from-right

Covid-19 e Figurazioni

Nell’ottica di una futura ripresa delle produzioni audiovisive, Scena1 vuole contribuire al dibattito sulle  buone pratiche da adottare nell’organizzazione delle lavorazioni con una propria proposta riguardante la gestione delle figurazioni. Tralasciando gli aspetti che riguardano la distribuzione di presidi di protezione e la disponibilità di mezzi di disinfezione durante la lavorazione che riteniamo siano materia dei protocolli nazionali che il governo sta predisponendo, vogliamo indirizzare il nostro contributo sugli aspetti di gestione e organizzazione che potrebbero alleggerire e rendere più agili le procedure che riguardano le gestione delle figurazione sul set.

  • Casting  telematico

Uno dei momenti di maggiore promiscuità che riguarda il mondo delle comparse è il casting, cioè l’occasione in cui le aspiranti figurazioni propongono la loro candidatura durante un incontro di massa in cui normalmente partecipano centinaia di persone.  In queste occasioni, anche mettendo in campo le strategie più attente (appuntamenti scaglionati, prenotazioni con numero, file e percorsi controllati) non sarà facile garantire la sicurezza dei candidati mediante un adeguato distanziamento fisico. Allo stesso tempo non è possibile prescindere dal contatto diretto tra candidato e capogruppo, caratterizzato da quel breve scambio di parole, che è presupposto minimo e necessario per valutare le potenzialità di ogni futura figurazione. Per ovviare a tutto ciò dovremo forse iniziare ad immagine di svolgere questi incontri singolarmente, online, attraverso una delle piattaforme di video chiamate presenti sul web. Per fare questo sarà indispensabile creare appuntamenti virtuali con ognuno dei candidati al casting, seguendo un efficiente calendario. Durante gli appuntamenti sarà possibile conoscere le potenziali figurazioni, registrare brevi video di presentazione, scattare o condividere foto e raccogliere i necessari dati amministrativi.

  • Raccolta documenti 

La raccolta dei documenti necessari alle pratiche amministrative d’assunzione e retribuzione verrà svolta esclusivamente per via telematica e il materiale necessario verrà inoltrata al reparto amministrazione insieme alle stringhe dati il giorno precedente alle riprese. In questo modo sarà possibile azzerare il passaggio di raccolta e controllo documenti, normalmente espletato dai capigruppo sul set.

  • Firma contratti

Ricevuti per via telematica e controllati i dati amministrativi delle figurazioni scelte, sarà possibile, da parte dei capigruppo, la completamente pre-compilazione del contratto e degli altri documenti necessari all’assunzione, riducendo alla sola firma, le necessarie pratiche amministrative normalmente svolte sul set.

  • Istruzioni Set

Altro momento “sociale” d’inizio riprese è quello legato alle istruzioni con cui il capogruppo si assicura che ognuna delle figurazioni sappia comportarsi sul set. Un breve vademecum potrà essere spedito alle comparse con una richiesta di conferma di ricezione e lettura. Non tralasciando un breve ripasso ad inizio riprese, anche questo momento potrebbe essere reso più agile ed efficace soprattutto in un ottica di scaglionamento degli arrivi sul set.

  • Costumi e trucco.

Momento particolarmente delicato sarà quello della preparazione delle figurazioni da parte dei costumi ed del trucco. Nel caso di produzioni che implichino costumi storici ed acconciature particolari naturalmente andranno previste le stesse precauzioni messe in atto per gli attori.  Nel caso di figurazioni in abbigliamento contemporaneo uno scambio efficace con i referenti dei reparti potrebbe permettere di richiedere alle comparse prove costumi casalinghe. Partendo dalle indicazioni ricevute si potrebbe così permettere ai costumisti di realizzare la scelta del look delle figurazione sulla base delle fotografie inviate o attraverso veri e proprie prove costumi “web” utilizzando una delle piattaforme in uso per le video chiamate. Le figurazioni, in questo modo, potrebbero arrivare nella location di ripresa, pronte, con i costumi scelti e controllati. Minimizzando al massimo il lavoro di preparazione e di cambio sul set.

  • Le pause

Per quanto riguarda la pausa pranzo, la distribuzione di cestini igienizzati e spazi sufficienti per ottenere il corretto distanziamento fisico può rappresentare la soluzione più semplice. Crediamo che però vada considerata la possibilità di adottare un orario di lavorazione più ridotto, così detto “alla francese”. Utilizzando un orario di 7 ore filate, si può rinunciare alla pausa cestini (altro momento di promiscuità tra la troupe), limitando il servizio di catering alla distribuzione di monoporzioni di conforto.

  • Rapporto numero capigruppo-comparse

Per sollevare i reparti regia e produzione dalla maggiore necessità di controllo delle figurazioni implicata dalla nuove disposizioni in materia di contenimento del contagio, ci facciamo portatori di una proposta che punti ad un rapporto più prossimo fra il numero delle comparse e quello dei capigruppo. Dovendo gestire un gruppo ridotto di figurazioni, il capogruppo potrà essere un supporto alla produzione più efficace, sia durante le pause di lavorazione, che durante le riprese. Nella filosofia adottata da Scena1 i capigruppo sono educati a stare sul set ed a seguire attivamente le indicazioni di regia coadiuvando gli aiuti e gli assistenti nella gestione dei movimenti delle figurazioni. Probabilmente il rapporto di 1 capogruppo per ogni 15 figurazioni, potrebbe raggiungere lo scopo nella maggior parte dei casi.

Follow us on Instagram